L’epica presa in giro del Sudafrica dopo il lapsus di CR7 in conferenza

Nella giornata di martedì Cristiano Ronaldo è stato presentato ufficialmente dal suo nuovo club, l’Al-Nassr che coprirà letteralmente d’oro il fuoriclasse portoghese fino al 2025. Una presentazione in grande stile, degna di un campione della sua fama, con una seguente conferenza stampa ricca di spunti interessanti. Ma anche di errori. Come quello macroscopico compiuto da CR7, che ha citato il Sudafrica anziché l’Arabia Saudita parlando del paese in cui continuerà la sua carriera. Una gaffe che non è passata inosservata e a cui il paese africano ha risposto sui social in grande stile.

Rudi Garcia e CR7
CR7 ed il suo nuovo tecnico Garcia

La gaffe di CR7

Venire in Sudafrica non vuol dire terminare la mia carriera“. Questa la clamorosa gaffe di Cristiano Ronaldo in un passaggio della sua conferenza stampa di presentazione all’Al-Nassr, club che invece ha sede a Riad, capitale dell’Arabia Saudita. Un lapsus dovuto probabilmente all’assonanza tra i nomi delle due nazioni in inglese, “Saudi Arabia” e “South Africa“, entrambi composti da due parole inizianti rispettivamente per S e per A. L’errore non è di certo passato sotto traccia, e sui social sono stati tantissimi commenti, le battute e i meme creati ad hoc per riderci su. Ma il post pubblicato dall’ente ufficiale del turismo sudafricano vince a mani basse.

Cristiano Ronaldo in conferenza stampa

La trollata sudafricana

In seguito al vistoso errore di CR7, trollate e prese in giro sono arrivate copiose da ogni parte del mondo, con i social invasi da ogni tipo di post sull’argomento. E il Sudafrica, nella fattispecie l’ente del turismo del paese, non si è lasciato sfuggire l’occasione per entrare a gamba tesa sulla vicenda con un tweet epico: “Aspettando pazientemente che Ronaldo arrivi. In ogni momento sei davvero il benvenuto in Sudafrica“, ha scritto l’ente a corredo di un video con uno stadio desolatamente vuoto.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA