La clamorosa indiscrezione: “Messi raggiungerà CR7…”

Il trasferimento di Cristiano Ronaldo in Arabia Saudita continua a far parlare, e non poteva essere altrimenti. Sono molti quelli che non riescono a concepire l’idea che un 5 volte Pallone d’Oro, seppur abbastanza avanti con l’età, possa decidere di lasciare il calcio europeo a fronte di un’offerta economica da capogiro. Eppure così è andata, e tra pochi giorni CR7 farà il suo esordio con la maglia dell’Al-Nassr. Niente più duelli con Leo Messi? Non è detto, dato che a quanto sembra che la Pulce potrebbe presto raggiungere il portoghese a Riad per un derby tra fenomeni.

Messi in Arabia da Ronaldo?

A lanciare questa clamorosa indiscrezione è stato Nasser Al-Attiyah, famoso pilota qatariota 4 volte vincitore della Parigi-Dakar, che tra le altre cose è anche uno sceicco cugino del proprietario del Paris Saint Germain Al-Khelaifi: “Grazie all’Al-Nassr, che ha ingaggiato Cristiano Ronaldo per una cifra pazzesca – ha raccontato in un’intervista rilasciata al Mundo Deportivo – anche Leo Messi tra qualche mese firmerà per un club dell’Arabia Saudita. Sono sicuro di questo e posso dire anche per quale squadra firmerà…”, ha dichiarato ostentando molta sicurezza.

Derby di Riad?

Come detto Al-Attiyah è convinto di sapere anche per quale squadra andrà a giocare il neo campione del mondo: “Sono sicuro che giocherà nell’Al-Hilal. Non è dato sapere chi sia la fonte del pilota qatariota, anche se lui ci tiene a precisare che “è una mia sensazione perché tutti stanno spingendo affinché l’Arabia Saudita ospiti la Coppa del Mondo nel 2030. Penso che abbiano bisogno di grandi nomi nel loro campionato per attrarre persone e migliorare il loro calcio in vista dei Mondiali“.

Messi-e-Ronaldo-giocano-a-scacchi

La “sensazione” di Al-Attiyah si rivelerà azzeccata? Al momento le possibilità di un trasferimento di Messi in Arabia paiono pari allo zero. Ma la stessa cosa si diceva di Ronaldo fino a pochi mesi fa…

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA