La replica di Spalletti ad Allegri: “Gli conviene passare da comprimario, si tolga la barba finta”

Quella tra Napoli e Juventus, storicamente, è una delle sfide più affascinanti del calcio italiano. Se poi ci si aggiunge una classifica che vede i partenopei, capolisti, a +7 sui bianconeri, il tutto si fa più interessante. In questa direzione si inserisce il big match del Maradona che, domani sera, potrebbe scrivere un’altra importante pagina del campionato. Luciano Spalletti, nella conferenza di vigilia, ha replicato alle parole di Massimiliano Allegri, secondo cui il Napoli sarebbe la squadra favorita. Una posizione, quella dell’allenatore bianconero, interpretata come strategica dal tecnico di Certaldo.

Luciano Spalletti, 63 anni, allenatore del Napoli

Spalletti replica ad Allegri

Immediata, in conferenza stampa, la replica di Luciano Spalletti a Massimiliano Allegri: “Gli conviene passare da comprimario ma è inutile fingere. Alla luce della qualità della rosa la Juve è la favorita, certi investimenti si ripagano solo giocando per vincere lo Scudetto e la Champions League”. Così il tecnico del Napoli, secondo cui le parole di Allegri farebbero parte di una sorta di strategia prepartita: “Non serve mettersi il cappello o la barba finta, non c’è quarto posto che soddisfi la Juventus”.

Nel corso della conferenza Spalletti ha risposto ai complimenti del tecnico livornese sottolineando, inoltre, la differenza tra le due squadre: “Il più bravo è lui, lo dice la sua carriera e io mi inchino davanti al suo palmares. In casa Juve vincere è l’unica cosa che conta; qui a Napoli è diverso, si respira l’anima dei tifosi. La gente ha visto giocare Maradona, che ha mostrato quanta bellezza c’è nel calcio, e quella bellezza vogliamo portarla sempre con noi”.

Massimiliano Allegri, 55 anni, tecnico della Juventus
Max Allegri, 55 anni, tecnico della Juventus

Spalletti sulla partita

Nessuna delle due squadre giocherà con paura, sarà un match spettacolare con 22 giocatori che lotteranno per vincere. Affrontiamo una squadra solida e quadrata difensivamente, dovremo giocare con rapidità per mettere in difficoltà la Juve. Spalletti, al netto delle difficoltà della gara, si è poi detto fiducioso in vista di domani: “È difficile creare tante occasioni da gol quando gli avversari giocano davanti alla linea difensiva, sappiamo che sarà dura ma abbiamo le qualità per fare la nostra partita”. Insomma, a 24 ore dalla sfida il clima è più caldo che mai. Non resta dunque che mettersi comodi e godersi lo spettacolo, in programma domani alle 20.45 al Diego Armando Maradona.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA