Costretto a fare il terzino alla prima da titolare. Fuori ruolo, Chiesa sbotta con i compagni

Una serata da dimenticare quella della Juventus al Diego Armando Maradona: il Napoli ha letteralmente demolito i bianconeri con un 5-1 che non ammette repliche. Gli uomini di Spalletti hanno dominato in lungo e in largo, complice un assetto tattico della Juve rivelatosi penalizzante per alcuni giocatori. Su tutti Federico Chiesa – insofferente per aver dovuto ricoprire un ruolo non suo – che sul 2-0 se l’è presa con i compagni.

Lo sfogo di Chiesa

Chiamato a coprire tutta la fascia destra nel 3-5-2 di Allegri, difatti Chiesa (alla prima da titolare dopo il lungo stop) è stato costretto ad agire da terzino per arginare le continue avanzate di Kvaratskhelia. Da qui la frustrazione del 25enne bianconero, esplosa in uno sfogo con i compagni dopo il 2-0 dei partenopei. Al momento del gol del georgiano, infatti, Chiesa viene immortalato dalle telecamere mentre sbotta apertamente contro Locatelli e Danilo.

Lo sfogo dell’ex Fiorentina dopo il 2-0 del Napoli

Chiesa nel 3-4-3

Alla luce del doppio svantaggio, Allegri opta poi per un 3-4-3 con il conseguente avanzamento del classe ’97 nel ruolo di ala sinistra. Pronti, via, e la rivoluzione a gara in corso sembra subito dare i suoi frutti con Di Maria che, al minuto 42, trova il gol del 2-1 che lascia sperare la Juventus. Una speranza distrutta, però, dall’aggressività degli uomini di Spalletti, che nella ripresa dominano su tutti i fronti contro una Juve pressoché inerme.

Chiesa, contrasto con Mario Rui durante Napoli Juventus

Inerme, d’altronde, anche Federico Chiesa, che a dispetto del cambio modulo non riesce mai a incidere, complice naturalmente la serata storta di tutta la squadra. Sostituito al 73′ dopo il 5-1 di Elmas, nel match del Maradona l’ex viola ha tirato solo una volta in porta. Troppo poco per una Juve troppo piccola.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA