Dal Mondiale e la Premier vinti al trekking mezzo nudo a -19°: l’ultima impresa di Schurrle

A meno di 30 anni ha detto basta e ha dato l’addio al mondo del calcio: “I momenti difficili erano sempre di più e quelli felici sempre meno”, aveva dichiarato in quei giorni del 2020. Adesso André Schurrle si gode la “pensione” e si diletta in imprese ai limiti dell’estremo. Il campione del Mondo con la Germania nel 2014 e vincitore della Premier League con la maglia del Chelsea l’anno successivo ha infatti deciso di mantenersi in forma in una maniera decisamente unica: sfidato dall’atleta estremo Wim Hof, ha scalato una montagna della Polonia a petto nudo e condizioni climatiche avverse, documentando tutto sui social.

Schurrle estremo

Schurrle ha condiviso sul proprio profilo Instagram diverse immagini di un trekking estremo sul monte Sniezka, in Polonia, a oltre 1600 metri. Niente di trascendentale, se non fosse per il fatto che la scalata è stata affrontata dall’ex e dai suoi compagni di avventura a petto nudo e con temperature e meteo proibitivi. Tutto questo nell’ambito di una sfida progettata e realizzata dal motivatore e atleta estremo Wim Hof. I tempi dell’addio al calcio per “la solitudine e la competizione senza fine e controllo” sembrano lontanissimi.

Schurrle

Drogba approva

La cosa mentale e fisica più difficile che abbia mai fatto!“, ha scritto l’ex Dortmund e Chelsea su Instagram. “Negli ultimi minuti non riuscivo a sentire nulla e dovevo trovare qualcosa dentro di me per andare avanti! Un’esperienza che non dimenticherò mai! -19 gradi, 100 chilometri orari di vento in faccia, neve forte e pioggia!“. Poi in un altro post: “Ho imparato che io e il mio corpo siamo più forti di quanto pensassi“. Tra i tanti che hanno applaudito Schurrle per la sua impresa c’è anche l’ex compagno Didier Drogba, che ha commentato: “Orgoglioso di te, amico mio, il mio corpo avrebbe smesso di funzionare“. Probabilmente anche il nostro, Didier…

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA