Clamoroso Napoli-Cremonese: l’ultima elimina la prima

Ieri sera allo stadio Maradona si è giocata la partita Napoli-Cremonese, valevole per gli ottavi di finale di Coppa Italia. Dopo il 2-2 dei tempi regolamentari, durante i supplementari la Cremonese è rimasta in 10 uomini per l’espulsione di Sernicola. Stoica, la squadra di Ballardini, al suo esordio sulla panchina grigiorossa, ha resistito all’assalto del Napoli e ha portato la partita ai rigori. Sotto il diluvio è stato decisivo l’errore dal dischetto di Lobotka che ha dato un’insperata vittoria alla Cremonese. Una vera e propria impresa quella compiuta dalla squadra di Cremona, appena passata sotto la guida di Ballardini. Raramente si vede infatti l’ultima in classifica battere la prima.

I giocatori del Napoli delusi dopo i rigori
I giocatori del Napoli delusi dopo la sconfitta ai calci di rigore contro la Cremonese

Le decisioni contestate di Ferrieri Caputi

È stata una partita tesa e ad alto livello agonistico per tutti e 120’, con 7 ammonizioni e un’espulsione e con proteste veementi da entrambe le parti. Soprattutto nel primo tempo le due squadre hanno avuto da recriminare verso la direttrice di gara Maria Sole Ferrieri Caputi, il Napoli per un rigore non assegnato per fallo su Gaetano e la Cremonese per il contatto tra Simeone e Carnesecchi in occasione del gol del pareggio di Juan Jesus.

I giocatori di Napoli e Cremonese protestano con Ferrieri Caputi
I giocatori di Napoli e Cremonese protestano con l’arbitro Ferrieri Caputi

Entrambi episodi discutibili che hanno scatenato momenti di tensione alla fine del primo tempo, soprattutto tra i giocatori della Cremonese e l’arbitro. Nel complesso la prova della terna arbitrale ha fatto storcere il naso a molti, sia per questi episodi che per la conduzione generale del match, un po’ sfuggito di mano alla direttrice di gara.

Spalletti deluso del suo Napoli

Nonostante tutte le possibili proteste per un arbitraggio non perfetto, il Napoli esce comunque deluso da questo ottavo di Coppa Italia. Più deluso di tutti è l’allenatore della squadra partenopea Luciano Spalletti. A fine partita, ai microfoni di Canale 5, il tecnico toscano non ha nascosto la sua delusione, soprattutto per la grossa mole di errori tecnici commessi dai suoi giocatori:” La partita l’avevamo in gestione, bastava fare qualche errore di meno. Abbiamo perso qualche palla banale. Non abbiamo giocato con la solita qualità”.

Osimhen, attaccante del Napoli, si arrabbia dopo una occasione sciupata dai suoi compagni
Osimhen si arrabbia dopo una occasione sciupata

E in effetti, tra le palle perse e le occasioni sciupate, soprattutto nel secondo tempo supplementare in superiorità numerica, ieri sera non si è visto il solito gioco spumeggiante a cui il Napoli ci ha abituato ad assistere. E se molti tifosi commentano la prestazione di Ferrieri Caputi alla direzione del match, Luciano Spalletti ha un’altra idea sul perché il suo Napoli è uscito dalla Coppa Italia: “Il fatto è che noi siamo fuori perché abbiamo giocato al di sotto delle nostre possibilità”.

Una partita che rimarrà dunque negli annali e di cui i tifosi della Cremonese non si scorderanno facilmente, e nemmeno quelli partenopei. Un’impresa della squadra grigiorossa, che non ha mai smesso di crederci sotto la pioggia battente di Napoli. Infine, Napoli-Cremonese ci ha regalato un’immagine molto bella: quella di due amici, Carnesecchi e Meret, che andando in porta per i calci di rigore commentano e scherzano su come è andata la partita, mostrando come alla fine si tratta sempre e solo di un gioco.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA