Juventus, Allegri sulla penalizzazione: “Non cambia niente, trasformiamola in un’opportunità”

Nella giornata di oggi, in casa Juventus, a farla da padrone è l’amarezza. La sentenza emessa ieri dalla Corte Federale si è rivelata una vera e propria batosta per i bianconeri, a cui sono stati inflitti 15 punti di penalizzazione in classifica. Una sentenza che fa scivolare la Juve a quota 22, a meno 12 da Champions ed Europa League. Una situazione estremamente difficile che, però, sembra non aver scalfito l’entusiasmo di Massimiliano Allegri il quale, all’indomani del verdetto, si è detto fiducioso in vista del prosieguo della stagione.

Juventus, 15 punti di penalizzazione e Champions lontanissima

Allegri in conferenza

Questa mattina, alla vigilia del match contro l’Atalanta, in programma domani allo Juventus Stadium alle 20.45, Massimiliano Allegri è intervenuto in conferenza stampa: Penalizzazione? Questo non cambia nulla, dobbiamo ricompattarci insieme ai nostri tifosi e pensare alle partite che ci aspettano da qui alla fine”.

Quindi, in vista del prosieguo della stagione: “Mancano 20 giornate, abbiamo 60 punti da conquistare e altre due competizioni, Coppa Italia ed Europa League, da giocare al massimo”. Nel corso del suo intervento il tecnico bianconero ha poi tirato fuori, seppur prendendola alla larga, la questione ricorso: “La sentenza definitiva arriverà tra tre mesi e a quel punto non dovremo avere rimpianti. Dobbiamo solo pensare a vincere le partite e provare a risalire in classifica“.

Allegri: “Un’opportunità per una grande stagione

Nel corso della conferenza, Allegri ha voluto caricare ulteriormente l’ambiente: “Cosa dirò ai giocatori? Non c’è molto da dire, la squadra deve pensare solo a lavorare e a dare il massimo in campo, dobbiamo trasformare questa situazione in un’opportunità“.

Massimiliano Allegri in conferenza stampa

Una situazione da cui, secondo l’allenatore livornese, si deve uscire rafforzati: “Possiamo ancora fare una grande stagione, bisogna solo crederci e giocare con impegno e determinazione. Poi, a fine campionato, vedremo dove saremo arrivati, ma tutto il resto non deve scalfirci, sono questioni di cui si occuperà la società”. Parole chiare e inequivocabili, che mettono in luce un carattere di cui allo stato attuale, in un momento così buio, la Juventus non può fare a meno.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA