Caso Zaniolo, Di Canio sta con la Roma: “Mancanza di rispetto”

La Roma vince in maniera autoritaria in casa dello Spezia e per il momento aggancia l’Inter al terzo posto in classifica a quota 37 punti. Ma a tenere banco in casa giallorossa è ancora la questione relativa a Nicolò Zaniolo, ormai separato in casa dopo le recenti vicende e in odore di cessione già in questo mese di Gennaio. Il classe ’99 sta ricevendo forti critiche per il suo comportamento, soprattutto dai tifosi ma anche dagli addetti ai lavori. E anche un ex laziale come Paolo Di Canio, parlando al Club di Sky Sport, si è schierato apertamente contro di lui.

Zaniolo

Di Canio sta con Mou

Nicolò Zaniolo sta ricevendo critiche unanimi per l’atteggiamento tenuto negli ultimi giorni: l’attaccante prima ha dichiarato di avere la febbre non rendendosi disponibile per la sfida contro la Fiorentina, poi si è chiamato fuori anche dalla trasferta di La Spezia. Un comportamento che evidenzia la volontà del giocatore di mettersi sul mercato e cambiare aria. A tal proposito Di Canio non ha dubbi su chi abbia ragione: “Zaniolo ha un problema di distrazione costante anche con i social, Mourinho ha ragione. Mourinho giustamente si sente in debito di riconoscenza perché ha protetto sempre Zaniolo. Ha tutte le ragioni e si sente un po’ tradito dopo averlo protetto sempre“, ha detto a Sky Sport.

Paolo DI Canio

Mancanza di rispetto di Zaniolo

Ha ragione quando sente la mancanza di rispetto da parte di Zaniolo perché gli dice ‘Mi fai questa cosa in questo momento dove io rischio di perderti e non poterti nemmeno sostituire in un momento delicatissimo della mia stagione?’. Mourinho vuole vincere, è un egoista e sa che in questo caso lui si può sistemare tutto arrivando tra i quattro. Tra l’altro se dovesse rimanere Zaniolo sa che sarebbe anche difficile gestirlo; ha tutte le ragioni per essere arrabbiato. Forse Pinto poteva fare meglio qualche dichiarazione su Zaniolo in passato“.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA