Evra ai tifosi della Juve: “Ora gli altri godono, ma la Vecchia Signora non muore mai”

Da quando la Corte federale ha inflitto i 15 punti di penalizzazione alla Juventus per il caso plusvalenze, sempre più personaggi del mondo calcistico e non solo stanno dicendo la loro sulla questione. Anche molti calciatori transitati negli anni tra le fila della squadra bianconera hanno pubblicato un messaggio sui social per far sapere la loro vicinanza ai tifosi durante questa complicata situazione societaria. L’ultimo ad averlo fatto è stato Patrice Evra, e lo ha fatto con i toni e la passione con cui è solito esprimersi.

Il messaggio di Evra ai tifosi

Evra, che ha giocato con la Juventus dal 2014 al 2017 e che da allora non ha mai smesso di sostenere la squadra di Torino anche da lontano, ha pubblicato stamattina su Instagram e Twitter un videomessaggio per i tifosi bianconeri.

Con tanto di maglia della Juventus addosso, il terzino francese si è espresso sui fatti degli ultimi giorni: “A tutti i miei gobbi veri. Perché bisogna essere gobbi veri. È un momento difficile, siamo stati penalizzati e non è la prima volta. Riduzione di 15 punti, fa male. Però la colpa è di chi? Non sono qua per sputare su nessuno, sempre colpa nostra… io chiedo solo una cosa, tutti i giocatori, tutti i dirigenti: di rispettare questa maglia e dare tutto”.

Evra nei tre anni alla Juventus ha vinto 2 Scudetti, 2 Coppe Italia, una Supercoppa Italiana e ha giocato una finale di Champions League, persa contro il Barcellona. Ha quindi voluto ricordare i tempi in cui vestiva la maglia bianconera, cantando il coro dello Stadium: “Noi vogliamo 11 leoni”.

“Gli altri godono, ora servono gobbi veri”

Il terzino francese si è fatto poi più serio e ha parlato dei tanti tifosi avversari che i questi giorni hanno celebrato la penalizzazione inflitta alla Juventus: “Questa gente sta godendo, perché per quanti anni abbiamo fatto male, e non perché ‘abbiamo rubato’. No, sul campo, abbiamo mangiato tutti. Nove campionati di fila, quindi godete, godete perché siete primi in classifica, ma la Vecchia Signora non muore mai. È ferita, però quando tornerà… e tornerà perché la storia non muore mai… non venite a piangere”.

Evra ha spinto soprattutto su un punto durante il messaggio: bisogna essere gobbi veri. Servono tifosi veri in questo momento alla Juventus per affrontare il resto del campionato, che ancora può regalare sorprese.

Evra con la maglia della Juventus in Champions League
Evra con la maglia della Juventus in una partita di Champions League

Una vera e propria chiamata alle armi quella di Evra: ”Io chiedo a tutti i gobbi veri di stare dietro a questa Juve perché è facile amarla quando tutte le cose vanno bene, adesso. Adesso abbiamo bisogno di tutti. Quindi forza Juve, fino alla fine. I love this Vecchia Signora”.

Un messaggio che si è fatto attendere qualche giorno, ma che quando è arrivato è andato dritto al cuore del popolo juventino. Dopotutto, quando si parla con il cuore, come ha fatto Evra, si toccano i nervi giusti.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA