Stava andando a piedi in Qatar per il Mondiale, ma da due settimane è sparito: apprensione per Santiago

calcio italiano18/10/2022 • 13:37
facebook
twitter
whatsapp

Santiago Sanchez Cogedor è un quarantenne spagnolo con la passione per il calcio e…per le imprese impossibili. Così, dopo che nel 2019 era partito dalla sua Alcalà de Henares in bicicletta arrivando in Arabia Saudita per vedere il Real Madrid vincere la Supercoppa di Spagna, stavolta in occasione del Mondiale in Qatar aveva deciso di arrivare nell’Emirato a piedi. Lo scorso Gennaio era iniziato il suo cammino, ma dopo aver attraversato l’Europa e la prima parte dell’Asia ora di lui si sono perse le tracce, da circa due settimane. Familiari e amici in grande apprensione.

A piedi in Qatar

Arrivare a piedi in Qatar dalla Spagna non è una cosa di tutti i giorni, ma Santiago Sanchez Cogedor non è nuovo ad imprese del genere, e in occasione dei Mondiali in programma a Novembre aveva deciso di attraversare Europa e Asia e seguire così per almeno una settimana le Furie Rosse nella competizione. A distanza di poco più di 9 mesi dalla partenza però, del 40enne spagnolo si sono perse le tracce. Come riporta El Mundo infatti amici e familiari non hanno sue notizie dai primi giorni di Ottobre, quando Santiago si trovava nel Kurdistan iracheno.

a-piedi-in-qatar-1024x576
Santiago a piedi in Qatar

Bloccato in Iran?

Gli ultimi ad aver avuto sue notizie sono due amici. Uno, Miguel Bergado, ha dichiarato al quotidiano spagnolo: “Ho parlato con lui l’ultima volta il primo Ottobre, mi ha mandato la sua posizione, era nel Kurdistan iracheno, a cinque chilometri dalla frontiera iraniana“. Bergado ha poi parlato anche dell’altro amico Coque, che lo avrebbe sentito il giorno successivo: “Santiago gli ha mandato un messaggio in cui diceva ‘situazione calda, ma tutto bene‘. Immagino che si riferisse alle proteste delle donne iraniane contro il governo. Però i contatti si sono interrotti lì“.

qatar-2022-boicottaggio-francia-1024x576

Secondo l’amico Santiago potrebbe esser rimasto bloccato proprio in Iran a causa della difficile situazione che il paese sta vivendo. La famiglia sta vivendo momenti di grabde apprensione, in attesa che il ragazzo torni a farsi vivo.

calcio italiano18/10/2022 • 13:37
facebook
twitter
whatsapp

LEGGI ANCHE

Ultime News

Impostazioni cookie