CB ROOKIE DI OTTOBRE - Boloca: "Mi piace dirigere il gioco. La Serie D mi ha permesso di arrivare fin qui"

calcio italiano20/12/2023 • 18:51
facebook
X
whatsapp
D. Boloca
#24US Sassuolo CalcioCentrocampista
Favorites

Stagione 2023/2024

--

Voto medio

1

Goals

4

Tiri in Porta

13

Tiri

0

Assists

Chiamarsi Bomber ha istituito il premio Rookie per i giocatori esordienti in Serie A, senza limiti d’età. A Ottobre i nostri followers di Instagram, Facebook e Youtube hanno deciso di premiare Daniel Boloca del Sassuolo. È lui il preferito della community social di Chiamarsi Bomber. Il giocatore dei neroverdi ha avuto la meglio su gli altri candidati, ovvero l'attaccante dell'Udinese Lorenzo Lucca e il difensore del Frosinone Ilario Monterisi. Il nostro Elia Lavelli gli ha posto le domande che voi follower ci avete scritto su Instagram.

View post on Instagram
 

Io sono curiosissimo di sapere una cosa perchè tu avevi 18 anni al termine della tua esperienza alla Juventus. Poi cominci in Serie D però non va subito bene, ma non perdi mai l'animo e la consapevolezza delle tue capacità e arrivi fino a qui che è un risultato incredibile. Se puoi raccontarmela come è andata...

"Si, prima della Serie D, c'è stata una tappa al Chieri juniores, poi dopo andai in Slovacchia. Anche lì comunque è stata un'esperienza che mi ha fatto crescere tantissimo sotto tutti gli aspetti, ma come anche la Serie D mi è servita tantissimo perchè comunque ti fa crescere sia umanamente che come calciatore. E per me è stato importantissimo fare questo tipo di percorso perchè a me ha aiutato ad arrivare fin qui più preparato mentalmente".

Tu ci hai sempre creduto anche quando magari avevi il sogno della Serie A?

"Non mi metto mai obiettivi a lungo termine. I miei obiettivi sono quelli sul miglioramento, sulla dedizione, sul lavoro".

No perchè questa cosa è anche, se vogliamo, una metafora anche per i giovani che non solo giocano a calcio, ma effettivamente di mantenere anche nelle difficoltà o comunque nei momenti in cui non sembra arrivare subito il premio, diciamo così, di mantenere l'attenzione e i risultati arrivano.

"La cosa importante è rimanere sempre fiduciosi, consapevoli che comunque bisogna lavorare. Bisogna migliorare perchè poi il frutto dei risultati è appunto basato sul lavoro, sulla dedizione, sul miglioramento che sono quelli che poi ti permettono di poter fare qualcosa di importante".

View post on Instagram
 

Un'altra cosa interessante del tuo percorso è che tu hai di fatto sostanzialmente debuttato nel ruolo di regista a San Siro, nel ruolo probabilmente più difficile da interpretare di tutti gli undici, a mio parere, anche per esempio del centravanti o del trequartista o della mezz'ala, perchè dai tuoi piedi e dalla tua testa, soprattutto, passano tutti i palloni più importanti quando giochi da regista. Qual è la cosa principale che pensi quando sei in quel ruolo del campo?

"Secondo me è importante avere tanta personalità, poi la spensieratezza che ti permette di poter giocare in modo libero, sereno e come dice sempre il mister cercare di vedere le giocate prima. Cercare di ragionare a un tocco per appunto poter fare delle giocate con un tempo in meno e quindi poi riesci ad aiutare la squadra ad avere un gioco molto più fluido".

Tu sei nato con questa idea, hai sempre avuto l'idea del passaggio filtrante o della visione come caratteristica di gioco?

"A me piace che tutti i palloni possano passare da me perchè mi piace comunque dirigere il gioco, quindi quello che cerco sempre di fare appunto di chiamare ogni pallone e cercare di farlo girare".

calcio italiano20/12/2023 • 18:51
facebook
X
whatsapp
Tags :Serie A

LEGGI ANCHE

Ultime News