Milan, parla Costacurta: dalla contestazione ("ingenerosa") dei tifosi al successore di Pioli

calcio italiano14/05/2024 • 12:49
facebook
twitter
whatsapp
F. Tomori
#23AC MilanDifensore
Favorites

Stagione --

5,8

Voto medio

--

Goals

--

Tiri in Porta

--

Tiri

--

Assists

Parlare di Milan con una leggenda rossonera. Con quasi 30 anni trascorsi all'interno del club (tra giovanili e prima squadra), Alessandro "Billy" Costacurta è stato una vera e propria bandiera del Diavolo. Un difensore iconico, che ha contribuito a scrivere la storia rossonera e che ha partecipato a tantissimi successi indimenticabili. L'attuale talent di Sky ha parlato della sua ex squadra in un'intervista a La Gazzetta dello Sport

Costacurta: "Tra Pioli e la squadra dev'essere successo qualcosa"

Costacurta è partito dalla recente contestazione dei tifosi: "È stata ingenerosa. Il secondo posto, dietro a una squadra che ha corso così veloce come l’Inter, resta un buon risultato. La vera debolezza l’ho vista nella doppia sfida con la Roma. Nelle due partite d’Europa sono rimasto stupito dall’atteggiamento della squadra, poco cosciente di quello che andava a giocarsi e cioè la possibilità di cambiare la stagione. E allora mi viene il sospetto che tra squadra e allenatore sia successo qualcosa che ha fatto precipitare il rapporto. I risultati lo dimostrerebbero: prima di quelle partite il Milan ne aveva vinte sette consecutive, dopo lo ha fatto solo contro il Cagliari. Prima e dopo lo spirito era diverso, qualcosa deve essersi rotto".

"Come nuovo allenatore prenderei Conte o De Zerbi"

Costacurta, poi, ha parlato anche del successore di Pioli: "Prenderei un italiano bravo, con esperienza internazionale. In pratica uno tra Conte e De Zerbi. Su Conte poco da aggiungere, su De Zerbi la penso diversamente da Capello. Hanno entrambi personalità e cattiveria, trasferiscono le loro idee e il loro spirito. Mi piacciono gli allenatori così, per questo non sono contrario a Conceiçao. Lopetegui invece non le vedevo benissimo dentro lo spogliatoio. Mi piacciono allenatori così, con qualità di gioco e un carattere tosto, come era lo stesso Capello: quando si arrabbiava volavano calci alle borse".

 

Chiamarsi Bomber è ora su Whatsapp, iscriviti subito al canale! CLICCA QUI!

calcio italiano14/05/2024 • 12:49
facebook
twitter
whatsapp
Tags :Milan

LEGGI ANCHE

Ultime News

Impostazioni cookie