Pallone d'oro italiani: chi è stato il primo a vincerlo e chi ci è andato vicino

calcio italiano17/05/2023 • 21:03
facebook
twitter
whatsapp
L. Messi
#10Club Internacional de Fútbol MiamiAttaccante
Favorites

Stagione --

--

Voto medio

--

Goals

--

Tiri in Porta

--

Tiri

--

Assists

Ogni calciatore ogni anno punta a vincere il pallone d’oro detto anche Ballon d’or in francese. Rappresenta il riconoscimento più importante che viene assegnato annualmente al giocatore che si è maggiormente distinto nella stagione calcistica e/o che abbia vinto dei trofei durante l’anno solare. Il riconoscimento viene consegnato da una giuria di giornalisti che votano il loro miglior giocatore e chi solleva questo importante trofeo resta per sempre nella storia del calcio. Scopriamo ora insieme chi sono i palloni d’oro italiani e coloro che lo hanno sfiorato.

Palloni d’oro italiani: Omar Sivori 1961

Omar Sivori era l’italo argentino che giocò con la maglia della Juventus negli anni ’60, precisamente dal 1957 al 1965 collezionando 215 presenze e 135 gol. L’oriundo prese parte anche alle convocazioni della nazionale italiana con cui partecipò al mondiale del 1962 senza però lasciare il segno. Omar Sivori è stato il primo italiano a sollevare al cielo il pallone d’oro nel 1961 grazie ad una stagione fenomenale in cui trascinò la Juventus alla conquista del tricolore siglando addirittura 28 reti stagionali. L’edizione del 1961 del pallone d’oro è la sesta edizione del premio calcistico della rivista France Football che vide l’oriundo vincere con 46 voti contro i 40 di Luis Suarez.

Paolo Rossi

Gianni Rivera 1969 e Paolo Rossi 1982

Per vedere un altro italiano vincere il prestigioso trofeo dobbiamo aspettare il 1969, l’anno seguente alla vittoria dell’europeo da parte della nazionale italiana. I protagonisti sono sia Rivera che Riva che lottano per la conquista del pallone d’oro. Alla fine a spuntarla è Gianni Rivera che se lo aggiudica con 83 punti contro i 79 di Gigi Riva nonostante le grandi prestazioni di quest’ultimo con il Cagliari. La classe di Gianni Rivera che indossava la maglia del Milan quando si aggiudicò il trofeo, ebbe la meglio contro la potenza fisica di Gigi Riva. Nel 1982 arriva il terzo pallone d’oro azzurro con Paolo Rossi, l’eroe delle notti Mundial di Spagna 1982. L’italiano, in forza alla Juventus, ricevette 115 punti avendo la meglio sul francese Giresse e sul polacco Boniek. Fu una classifica dominata dagli italiani visto che al quinto posto ci fu Bruno Conti, all’ottavo Dino Zoff, all’undicesimo Giancarlo Antognoni e al dodicesimo Gaetano Scirea, tutto frutto della conseguenza della vittoria nel mondiale in Spagna, il terzo mondiale nella storia azzurra. 

Gianni Rivera

Roberto Baggio 1993

Roberto Baggio, il divin codino, il 10 che ha fatto sognare tutti i tifosi italiani con la maglia della nazionale nel 1994, che ha lasciato un segno indelebile anche in serie A e in tutti i cuori dei tifosi di tutte le squadre. Ammirato, amato, idolatrato da tutti, applaudito da ogni tifoso in ogni stadio italiano ed europeo Roberto Baggio nel 1993 alza al cielo il pallone d’oro. Il numero 10, il fantasista per eccellenza della sua epoca, quando vinse il suo trofeo vestiva la maglia bianconera della Juventus. Era il 1990 quando Roberto Baggio si trasferì non senza polemiche dalla Fiorentina alla Vecchia Signora per un’operazione di mercato che fece scalpore e da cui iniziò la grande rivalità tra le due squadre e tra le due tifoserie. Roberto Baggio con la Juventus è stato un autentico protagonista nelle tre stagioni in cui ha militato con la maglia bianconera: nel 1993 la vittoria del pallone d’oro è frutto della conquista della Coppa Uefa, il primo importante trofeo internazionale vinto da Roberto Baggio. Un trofeo che lo ha visto protagonista nelle partite cruciali ovvero nelle semifinali e nelle finali che all’epoca si giocava con andata e ritorno. La squadra allenata da Giovanni Trapattoni fu trascinata dal divin codino che nella semifinale contro il Paris Saint Germain realizzò una doppietta nella gara di andata vinta per due a uno. Nel ritorno fu sempre lui a siglare il gol finale dello 0-1 che valse la finale. Nella finaleìissima che fu giocata contro i tedeschi del Borussia Dortmund, sigla una doppietta all’andata, mentre al ritorno contribuisce alla vittoria della sua squadra per tre a zero. Questo trionfo europeo gli spianò la strada nella vittori al pallone d’oro. Dopo undici anni torna a dominare l’Italia calcistica.

Un giovane Roberto Baggio con il Pallone d'oro nel 1993

Fabio Cannavaro 2006

Dal 1993 con Roberto Baggio per vedere un altro italiano nuovamente alzare il trofeo prestigioso istituito dalla rivista francese France Football, bisogna aspettare il 2006. È l’anno in cui l’Italia di Marcello Lippi vince un incredibile mondiale in Germania dopo lo scandalo Calciopoli che traumatizzò la Serie A e cambiò i destini di molte squadre. Un mondiale dove mise in evidenza lo strapotere difensivo di Fabio Cannavaro, il difensore che nella semifinale contro la Germania, in quel di Dortmund, fu un autentico protagonista di una partita gagliarda, storica, fatta di concentrazione e attenzione che annichilì e spense sul nascere tutte le offensive tedesche. Il difensore ebbe la meglio su un altro italiano Gigi Buffon con 173 voti contro i 124 del portierone della Juventus. Dopo il tedesco Sammer è lui a far tornare nell’elenco dei vincitori il ruolo di difensore.

Fabio Cannavaro premiato da Monica Bellucci

I grandi italiani esclusi che non ce l'hanno fatta

Sono loro i 5 gli italiani ad aver vinto il pallone d’oro nella storia di questo trofeo: Omar Sivori, Gianni Rivera, Paolo Rossi, Roberto Baggio e Fabio Cannavaro. Ci sono, però, molti grandi calciatori italiani che non ce l’hanno fatta e che sono andati vicino al trionfo ma sono stati superati per una manciata di voti e che non hanno potuto fermare il potere dei vari Weah, Zidane, dei domini Lionel Messi e Cristiano Ronaldo che hanno tolto spazio ai nostri grandi campioni. Tra questi ovviamente c’è da menzionare il grande, grandissimo rammarico di Paolo Maldini e di Franco Baresi mai vincitori. Nell’era più moderna i vari Gianluca Vialli, Roberto Mancini, Alessandro Nesta, Francesco Totti, Alessandro Del Piero che non ce l’hanno fatta per un niente, a cui si aggiunge anche Gianluigi Buffon che avrebbe meritato così come anche l’altro inimitabile, fantastico e storico portiere del nostro calcio, Dino Zoff. Poche vittorie e tanti rimpianti nelle storia italiana del pallone d’oro. Chissà se in futuro vedremo di nuovo sventolare il tricolore su questo prestigioso trofeo.

calcio italiano17/05/2023 • 21:03
facebook
twitter
whatsapp
Tags :Serie A

LEGGI ANCHE

Ultime News