Italia, Mancini lancia l’allarme: “I nostri attaccanti non giocano”. E pensa ad un clamoroso ritorno

calcio08/03/2023 • 16:42
facebook
twitter
whatsapp

Tra 15 giorni tornerà di scena la Nazionale Italiana, impegnata al Maradona di Napoli contro la temibile Inghilterra in una gara valida per le qualificazioni a Euro 2024. Sarà la prima gara della lunga campagna che potrebbe portare gli Azzurri detentori del titolo a partecipare alla prossima kermesse continentale, e quindi è necessario partire con il piede giusto, come ha spiegato il Ct Roberto Mancini in un’intervista rilasciata al Messaggero. Intervista nella quale il tecnico ha lanciato anche l’allarme per quanto riguarda l reparto offensivo.

Mancini e i problemi dell’attacco azzurro

Dopo la cocente delusione della mancata partecipazione ai Mondiali in Qatar, l’Italia di Mancini ripartirà dalle qualificazioni a Euro 2024 l’esordio di Napoli contro l’Inghilterra non sarà dei più semplici. Anche perché la Nazionale deve far fronte alla carenza di soluzioni nel reparto offensivo, che preoccupa e non poco il Ct: “I problemi sono seri“, ha esordito.Immobile è ko, Raspadori in forse. Ci sono grossi interrogativi. I nostri attaccanti centrali, quasi tutti, hanno giocato pochissimo negli ultimi mesi”.

roberto-mancini-ct-dellitalia-1024x576

“Non ne abbiamo uno che sia un titolare – ha spiegato Mancini – fatta eccezione per Gnonto, impiegato un po’ di più nel Leeds e può agire da punta centrale. Ma per il resto, siamo messi male: pure Scamacca è reduce da un infortunio, Belotti gioca poco. In difesa e a centrocampo le soluzioni ci sono. E lì in attacco che abbiamo problemi ma non perché non ci siano talenti. Ma devono giocare. E non giocano”.

wilf-gnonto-leeds-1024x576-2

Compagno, Zaniolo e…Insigne

Per cercare di ampliare le soluzioni offensive, il Ct azzurro ha deciso di chiamare l’attaccante dell’FCSB Andrea Compagno: “Lo seguo da due anni, gioca sempre e fa pure goal“, ha detto il Mancio, che ha poi rivelato di aver messo lo zampino nel trasferimento di Zaniolo in Turchia: “Gli ho detto anche io, quando ha chiesto il mio parere, di andare al Galatasaray, spero che giochi perché per noi è importante. Andare in Turchia era l’unica possibilità“. Mancini ha poi aperto le porte al clamoroso ritorno di Insigne, ora in MLS: Perché no? Lorenzo ancora è uno di quelli che può tornarci utile. Vedremo”.

lorenzo-insigne-1024x576

Infine un pensiero per Gianluca Vialli, amico fidato e collaboratore: “Saranno giorni difficili, il vuoto grande che sento ogni giorno lo sentiremo più forte. Tutto quello che ci ha lasciato deve esserci utile per il nostro presente e il nostro futuro”, ha concluso Mancini.

calcio08/03/2023 • 16:42
facebook
twitter
whatsapp
Tags :Italia

LEGGI ANCHE

Ultime News

Impostazioni cookie