Fiorentina, parla Kokorin: “Ero più forte di Vlahovic. Meritavo il posto da titolare, ma venivo escluso” 

calcio italiano17/10/2022 • 17:22
facebook
twitter
whatsapp

Aleksandr Kokorin, lo scorso agosto, ha lasciato la Fiorentina e si è trasferito a titolo temporaneo all’Aris Limassol, club del campionato cipriota. Il giocatore russo, che non ha mai brillato in maglia viola, ha parlato dei motivi della sua cessione ai microfoni del giornalista sportivo Nobel Arustamyan. Il 31enne ha sottolineato di aver vissuto una vita fantastica a Firenze, ma ha anche parlato della sua insoddisfazione. Nonostante in allenamento dimostrava di essere più forte di Vlahovic, veniva sempre escluso. 

Kokorin, carriera condizionata da problemi fuori dal campo

Kokorin, secondo calciatore russo nella storia della Fiorentina dopo Andrej Kanchelskis, è approdato in Italia il 21 gennaio 2021, dallo Spartak Mosca. Per anni è stato considerato uno dei più grandi talenti del calcio dell’est, ma i problemi fuori dal campo hanno condizionato inevitabilmente la sua carriera. Nel 2018, in particolare, è stato arrestato insieme al compagno di nazionale Pavel Mamaev per aver aggredito un funzionario pubblico in un ristorante. 

103782339_kokorin_manaev_split_v2-1024x576-1

I due giocatori avevano aggredito anche un autista di Pervyj kanal (principale emittente televisiva russa), che ha subito danni cerebrali, una frattura al naso e diverse escoriazioni al viso. Kokorin è stato così condannato a 1 anno e 6 mesi di carcere. Il giocatore, però è rimasto in prigione pochi mesi, dopodiché è uscito e ha firmato un contratto con lo Zenit. Dopo due anni, l’esperienza in Serie A. 

Kokorin: “Ero più forte di Vlahovic, ma venivo escluso”

Con la maglia della Fiorentina ha collezionato solamente 11 presenze e ora è lui, da Cipro, a spiegare i motivi della sua cessione: “A Firenze ha vissuto una vita fantastica, studiavo e giocavo. Ho avuto quattro allenatori di fila e gli infortuni mi hanno impedito di giocare ma c’è anche dell’altro. Alcuni tecnici credevano in me altri no. Infatti  quando è arrivato il nuovo allenatore (Italiano, ndr.) non aveva tempo di aspettarmi e così hanno preso nuovi giocatori che hanno fallito. A Firenze mi sono trovato bene anche con molte persone e molto probabilmente, ci tornerò”. 

kokorin-1024x614

Il giocatore russo spiega infine che il club viola lo ha escluso, nonostante fosse più forte dell’ex compagno di squadra Vlahovic:Nell’allenamento con Dusan Vlahovic capivo di poter giocare titolare. Lo battevo spesso al serbo e pensavo di meritare il posto ma non fu così, venivo escluso la domenica. Non ho mai fatto polemiche. Ho un contratto, sono un ragazzo adulto. Avranno pensato che questa era una situazione normale per il club viola che io non giocavo dopo che mi hanno preso dicendo che stavo bene. Per me è difficile rispondere adesso”.

calcio italiano17/10/2022 • 17:22
facebook
twitter
whatsapp

LEGGI ANCHE

Ultime News

Impostazioni cookie