Evra condannato per insulti omofobi: “Ha alimentato odio e violenza”

calcio09/02/2023 • 12:38
facebook
twitter
whatsapp

Patrice Evra è stato condannato a seguito di alcune frasi pronunciate in un video sui social nel 2019, dopo che il Manchester United aveva clamorosamente vinto al Parco dei Principi contro il Psg.

Lo United elimina il Psg e Evra va fuori di testa

È arrivata dopo quattro anni la condanna per il terzino ex Juve e Man United, che dopo la partita di Champions League tra Psg e la squadra inglese, commentò sui social in modo tale “da istigare odio e violenza nei confronti di un gruppo di persone a causa del loro orientamento sessuale”, come riportato nell’accusa.

Il giocatore francese era andato fuori di testa per la qualificazione ottenuta dallo United in pieno recupero con un rigore di Rashford, vincendo 3-1 e accendendo ai quarti di finale.

Nel video incriminato Evra esultava per la sconfitta del Psg, esagerando nei modi. Il video era stato pubblicato a sua insaputa, come ha detto nelle dichiarazioni il terzino, ma ciò non toglie la gravità del contenuto, in cui il francese si lasciava andare a riferimenti omofobi: “Parigi, siete fr**i, siete fr**i…Qui sono gli uomini che parlano… Mettiamo la squadra D, nemmeno la squadra C. I piccolini che hanno giocato, vi hanno pulito le scarpe.”

evra-7
Evra ai tempi della Juventus

Le accuse delle comunità LGBT

Registrato su Snapchat, il video doveva rimanere privato, ma fu registrato e pubblicato. Subito arrivarono le denunce da parte di varie associazioni come Mousse e Stop Homofobia, sulla base di “insulti pubblici nei confronti di un gruppo di persone a causa del loro orientamento sessuale.”

All’inizio il gip aveva classificato l’offesa a “insulto non pubblico” in quanto il video era stato manifestato in ambito privato.

View post on X

Adesso però è arrivata la condanna, in quanto, come comunicato dall’avvocato delle associazioni, “le affermazioni omofobe di una personalità come Patrice Evra alimentano l’odio e la violenza nei confronti delle persone LGBT, in particolare nei paesi dove l’omosessualità è repressa penalmente, come in Senegal, paese da dove viene Patrice Evra”.

Non è servita la difesa del team dell’ex difensore basata sul fatto che Evra voleva attaccare il Psg, non la comunità omosessuale.

Dunque l’ex calciatore, attualmente commentatore per vari enti televisivi, è stato condannato a una multa da 1000 euro per le espressioni omofobe, un risarcimento di 1500 euro alle parti civili e un ulteriore pagamento di 1000 euro per ogni associazione per coprire le spese legali.

calcio09/02/2023 • 12:38
facebook
twitter
whatsapp

LEGGI ANCHE

Ultime News

Impostazioni cookie