Belgio, 18 giocatori ottengono la licenza da allenatore UEFA: tra loro De Bruyne e Mertens

calcio31/05/2022 • 18:54
facebook
twitter
whatsapp

Dries Mertens non sa ancora se rimarrà a Napoli, ma una certezza c’è: potrebbe decidere di fare l’allenatore. Come lui, anche Kevin De Bruyne, uno dei migliori centrocampisti della sua generazione e fresco di vittoria in Premier League. I due giocatori hanno due cose in cose in comune: sono nati in Belgio e, tra una partita e un’altra, pensano già al loro futuro.

Il 30enne, in questa stagione, ha aiutato il Manchester City a conquistare il titolo, il 35enne è arrivato terzo in Serie A con il suo Napoli, ma entrambi si sono dedicati anche ad altro: allo studio. Ebbene sì, Dries e Kevin, dopo i successi in campo, hanno ottenuto anche la licenza da allenatore UEFA A. De Bruyne e Mertens, insieme ad altri compagni di avventura, hanno ricevuto i diplomi nelle scorse ore.

De Bruyne e Mertens ottengono la licenza da allenatore UEFA

La Federazione belga, nel 2019, ha dato il via a un nuovo progetto. Ha annunciato infatti che 19 giocatori, tra cui il centrocampista e l’attaccante, avrebbero ottenuto le licenze UEFA A e B mentre erano ancora in attività. Il giocatore del City e il giocatore del Napoli sono tra i 18 giocatori ad aver completato i corsi e, proprio per questo, hanno ottenuto la licenza A.

mertens-de-bruyne-1024x695

Il 30enne, durante la stagione appena conclusa, ha guidato delle sessioni per le squadre giovanili dell’accademia del Manchester City, fino all’Under 16. Tutto ciò, spiega il Daily Mail, ha contribuito a far ottenere a De Bruyne il secondo badge di allenatore, dopo la licenza UEFA Pro. Mertens, invece, si è dedicato alle giovanili Napoli. 

View post on X

Lo scorso anno, il belga ha raccontato al quotidiano HLN di aver iniziato questo progetto. Kevin, tuttavia, ha dichiarato di “non essere sicuro” di voler fare l’allenatore in futuro. Il centrocampista del City e Mertens non sono gli unici giocatori del Belgio ad aver ricevuto il diploma nelle scorse ore. Tra i 18 diplomati ci sono anche Dedryck Boyata, Simon Mignolet, Dennis Praet, Matz Sels, Leandro Trossard, Youri Tielemans, Jan Vertonghen e Axel Witsel.

Il progetto della Federazione belga

Nel 2019, Kris Van Der Haegan, direttore della formazione degli allenatori della Federcalcio belga, ha raccontato al Training Ground Guru come è nato il programma per formare la “Generazione d’oro” del Belgio: “Roberto ha messo l’idea sul tavolo dopo il Mondiale. Ha detto ‘Come possiamo coinvolgere questi giocatori nel futuro del calcio belga?’. Di solito i giocatori devono già essersi ritirati per prendere i diplomi, ma il Belgio ha chiesto l’esenzione speciale dalla UEFA“.

mertens-de-bruyne-1

Un’unica clausola da rispettare: “L’unica clausola era che i giocatori dovevano avere almeno 50 presenze o aver fatto parte della rosa del Belgio per la campagna di qualificazione alla Coppa del Mondo 2018. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dall’entusiasmo dei giocatori e dal numero di domande che hanno posto e dal numero di e-mail che mi hanno inviato in seguito”. De Bruyne, Mertens e compagni scenderanno in campo per le quattro partite di Nations League con il loro Belgio, il 3 con l’Olanda e l’8 con la Polonia in casa, l’11 in Galles e il 14 in Polonia. La panchina, per ora, può attendere…

calcio31/05/2022 • 18:54
facebook
twitter
whatsapp

LEGGI ANCHE

Ultime News

Impostazioni cookie