Chelsea, tifosi intonano cori per Abramovich durante omaggio Ucraina. Tuchel: “Non era il momento”

calcio06/03/2022 • 11:47
facebook
twitter
whatsapp

Thomas Tuchel critica i tifosi del Chelsea per i cori pro Abramovich intonati durante l’omaggio all’Ucraina. Il Chelsea, al Turf Moor, cala il poker contro i padroni di casa del Burnley. Prima del calcio d’inizio, si è tenuto un minuto di raccoglimento a sostegno del popolo ucraino. Minuto di silenzio spezzato dai tifosi Blues in trasferta. 

Cori per Abramovich durante omaggio Ucraina. Tuchel: “Non era il momento”

I sostenitori della squadra di Londra hanno intonato il nome di Roman Abramovich. Il magnate russo alcuni giorni fa, dopo l’invasione dell’Ucraina, ha annunciato di voler vendere la società. Il 55enne possiede il Chelsea dal 2003 e ha trasformato un club sull’orlo del fallimento in un club vincente. Durante il suo regno, infatti, i Blues hanno conquistato ben 19 trofei e i tifosi, così come molti giocatori o ex giocatori, non erano pronti al suo addio. 

abramovich-vende-il-chelsea-1024x576-1

I loro cori, però, hanno infastidito i sostenitori del Burnley, ma anche il tecnico Blues. Thomas Tuchel, nella sua conferenza stampa post-partita, ha criticato i tifosi del club e ha condannato il loro gesto. Il tedesco, interrogato sull’episodio, ha chiesto unità in un momento così preoccupante: Non era il momento di farlo, non è il momento di mandare altri messaggi. Ascoltate, se mostriamo solidarietà, mostriamo solidarietà e dovremmo farlo tutti insieme. Ci siamo sempre inginocchiati insieme. Abbiamo sempre dimostrato rispetto nei confronti di chi ha scritto la storia del club o di qualsiasi squadra di calcio quando ha lasciato questo mondo. Credo che non sia il momento di lanciare altri tipo di messaggi. È il momento di mostrare rispetto”.

tuchel-1024x576

Tuchel ha sottolineato che il club e i tifosi devono restare uniti: “Lo facciamo perché questo è ciò che siamo anche come club. Mostriamo rispetto come club e abbiamo bisogno che i nostri tifosi si impegnino per questo minuto di applausi. In questo momento lo facciamo per l’Ucraina e non c’è una seconda opinione sulla situazione lì. Hanno i nostri pensieri e il nostro sostegno. Dovremmo stare uniti come club. Non è il momento per altri messaggi”.

calcio06/03/2022 • 11:47
facebook
twitter
whatsapp
Tags :Chelsea

LEGGI ANCHE

Ultime News

Impostazioni cookie