Van der Meyde senza filtri: “Ero bello, ricco e avevo un c**** enorme. Ero fuori controllo”

calcio20/05/2022 • 13:46
facebook
twitter
whatsapp

Andy Van der Meyde ha raccontato più volte aneddoti riguardo il suo passato burrascoso. L’ex tra le altre di Ajax e Inter era un esterno di fascia di enorme talento in campo, ma soprattutto fuori. E probabilmente è proprio per la sua vita sregolata che non è mai riuscito a diventare uno dei migliori interpreti del ruolo, nonostante le sue indiscusse qualità. L’olandese, nella sua biografia, ha ripercorso la sua vita burrascosa, tra successi professionali e tanti retroscena riguardanti la sfera privata, come ha raccontato a Ad Sportwereld.

La vita spericolata di Van der Meyde

Eccessi, trasgressioni, dipendenze. C’è stato veramente di tutto nella vita di Andy Van der Meyde, esterno offensivo passato anche per due anni dall’Inter. Il racconto dei suoi folli anni è ai limiti della realtà: “Ero fuori controllo, non riuscivo a dormire se non prendendo pillole“, ha raccontato l’olandese. “Era roba pesante, di quella da prendere con la prescrizione del medico. Le rubavo dallo studio del medico del club, l’ho fatto per più di due anni. Poi è arrivata la cocaina, insieme a Bacardi, vino e feste in quantità. Capii che dovevo andarmene da Liverpool, o sarei morto“.

van der meyde droga

Una vita con un chiodo fisso nella testa: il sesso. “Il mio motto era ‘farlo sempre e ovunque‘, fosse un’igienista dentale, una segretaria dell’Ajax, una ragazza conosciuta a un semaforo”, confessa l’ex Everton . “Ho sbagliato molto. Come calciatore avevo tutto ciò che le donne potessero desiderare. Ero carino. Ero davvero ricco. E avevo anche un cazzo enorme. Avevo milioni, ma ero completamente pazzo nella mia testa“. Trasgressioni ma ovviamente anche tanti rimpianti: “Sono stato un pessimo padre: per molto tempo non mi sono dedicato ai miei figli, il mio più grande errore. Mia figlia? Le scrivo tutti i giorni messaggi per dimostrarle il mio bene“.

A 43 anni il cecchino olandese con ogni probabilità ha messo la testa a posto. Ma il passato, quello, di certo non potrà cancellarlo.

calcio20/05/2022 • 13:46
facebook
twitter
whatsapp

LEGGI ANCHE

Ultime News

Impostazioni cookie