Dove gioca Dodò ex Inter? Ecco dov’è finito il terzino brasiliano

Vi ricordate di Dodò, ex terzino brasiliano di Inter e Roma? Sono passati 7 anni dalla fine della sua avventura milanese e siamo andati a rintracciarne il percorso.

La carriera di Dodò

José Rodolfo Pires Ribeiro, noto con il semplice nome di Dodò, è ancora un calciatore. È bene specificarlo perché dopo le sue esperienze italiane il terzino brasiliano ha fatto perdere le sue tracce, almeno in Europa.

È infatti ora in Brasile, dove aveva iniziato la sua carriera nel 2007. Proveniente dalle giovanili del Corinthians, ha esordito con la prestigiosa maglia brasiliana nel 2010.

Però nel Corinthians non si afferma mai e dopo due stagioni relegato principalmente in panchina viene girato in prestito al Bahia. Lì trova la continuità fino a che si rompe il legamento crociato anteriore ed è costretto a un lungo stop.

Nonostante questa sua battuta di pausa, la Roma, e soprattutto Walter Sabatini, ha messo gli occhi su di lui e lo acquista nel 2012 per un milione. Nella capitale italiana gioca con una certa continuità, giocando 15 partite nella sua prima stagione in giallorosso e 20 nella sua seconda.

Dodo alla Roma
Dodò alla Roma ha giocato per due stagioni

Flop all’Inter

Le sue prestazioni convincono l’Inter ad acquistarlo dalla Roma per un cifra intorno ai 10 milioni tra prestito e riscatto.

I primi tempi in nerazzurro vanno bene per Dodò. Nonostante per l’Inter non fosse una stagione fantastica, con l’esonero di Mazzarri dopo l’11 giornata e l’arrivo di Mancini, il terzino brasiliano mostra buone qualità, soprattutto in Europa League, dove segna due gol.

Riceve addirittura la chiamata del Brasile, ma il destino si interpone. Dodò ha nuovamente problemi al legamento crociato anteriore e a marzo dl 2015 deve operarsi.

Dodo Inter
Dodò esulta con la maglia dell’Inter

Come spiega il suo agente: “L’Inter resterà nel cuore di Dodò perché giocare in un club simile è indimenticabile. Ha vissuto i suoi momenti migliori e non dimenticatevi che stava iniziando a carburare: ha giocato l’Europa League segnando due gol, ha conquistato addirittura la convocazione del Brasile grazie all’Inter.

Non ha funzionato perché tutto ha iniziato a precipitare quando ha dovuto ri-operarsi al ginocchio sinistro sul più bello, c’era dietro solo questo. Dodò è tornato 10 mesi dopo con un altro allenatore e la società ha preso un altro laterale mancino sul mercato: solo per quello abbiamo scelto di andare alla Samp.”

La Samp e i prestiti

E infatti nel 2016 l’Inter lo gira in prestito alla Samp. Il più grande ricordo del suo periodo interista rimane dunque il Trofeo Berlusconi alzato con la fascia al braccio, poco dopo essere tornato dall’infortunio.

Ma l’arrivo di un altro terzino sinistro (ovvero Ansaldi) porta il brasiliano a Genova, in prestito che diventerà poi obbligo di riscatto.

Nei primi 6 mesi doriani, Dodò gioca con continuità, ma al ritorno dalla preparazione estiva non riesce a trovare il suo posto nella squadra e a febbraio viene girato in prestito al Santos.

Dodo alla Sampdoria
Il terzino brasiliano ai tempi della Sampdoria

In Brasile ritrova la titolarità e la qualità che lo ha contraddistinto in modo sporadico in Italia. Su di lui si rinnova l’interesse di molte squadre e, rientrato a Genova, viene nuovamente girato in prestito in patria, questa volta al Cruzeiro, che per problemi societari non riesce a riscattarlo.

Dov’è ora Dodò

E dunque, dopo aver ricapitolato tutta la sua carriera, dov’è finito ora Dodò?

Dopo che il Cruzeiro non lo ha riscattato, il suo contratto è terminato con la Sampdoria nel 2021 ed è rimasto svincolato.

Allora ha rivolto gli occhi nuovamente in patria e ha trovato casa nell’Atletico Mineiro, squadra in cui gioca tuttora.

C’è da ricordare che Dodò è comunque un classe 1992 e ha dunque ancora qualche anno ad alto livello da giocare.

Dodo all'Atletico Mineiro
Il terzino brasiliano è ora all’Atletico Mineiro, squadra dove ha vinto i suoi primi titoli in carriera

E nella squadra di Belo Horizonte Dodò si sta divertendo e sta giocando bene, vincendo anche una Supercoppa Brasiliana, una Coppa del Brasile e un campionato brasiliano.

Qualche gioia dopotutto il calcio l’ha regalata a questo giocatore, che dopo tanta sfortuna nei suoi anni italiani, ha potuto affermarsi in patria. Non sarà mai quel terzino sinistro straripante che molti si aspettavano, all’Inter e in patria, però Dodò ha trovato la sua dimensione ed è bello così.

Ora c’è da vedere se il nuovo terzino brasiliano di nome, o soprannome, Dodò farà meglio del suo predecessore. Ma sembra che il terzino destro della Fiorentina abbia iniziato la sua avventura italiana con un’energia diversa e lotterà proprio con l’Inter per ottenere il suo primo titolo da giocatore della Fiorentina.

LEGGI ANCHE

Html code here! Replace this with any non empty raw html code and that's it.

I PIù LETTI DELLA SETTIMANA