Van Dijk e il Pallone d’oro: “Forse è ora che lo vinca un difensore”

calcio12/11/2019 • 20:22
facebook
twitter
whatsapp

Virgil Van Dijk è uno dei favoriti alla vittoria del Pallone d’Oro 2019. E all’olandese non dispiacerebbe affatto se a vincere l’ambito premio fosse un difensore. Anno d’oro per il Liverpool e per Van Dijk, dopo la vittoria della Champions League e il successo in Supercoppa UEFA anche la nuova stagione è iniziata nel migliore dei modi. Gli uomini di Klopp, in attesa della tredicesima giornata, sono ancora al comando della classifica e a +8 dalle due inseguitrici, Leicester e Chelsea. Il ventottenne è sicuramente uno dei protagonisti di questi successi targati Reds e potrebbe concludere il 2019 con uno dei riconoscimenti più ambiti da ogni calciatore, il Pallone d’oro.

LEGGI ANCHE: Eintracht, Abraham stende il tecnico avversario: maxi rissa (VIDEO)

Van Dijk e il Pallone d’oro: “È ora che lo vinca un difensore”

L’ultimo difensore ad aver vinto questo importante premio individuale è stato Fabio Cannavaro nel 2006, dopo il successo del Mondiale in Germania. E Van Dijk si autocandida alla vittoria. A Virgil infatti non dispiacerebbe affatto se questo riconoscimento, quest’anno, tornasse nelle mani di un difensore. A confessarlo è l’olandese stesso, ai microfoni di Goal. Il giocatore Reds però non parla solo di Pallone d’oro, ma anche del suo passato e della scelta di andare al Liverpool, club in cui ha trovato una persona davvero speciale, Jurgen Klopp

LEGGI ANCHE: Richards, che ricordi con Balotelli: “Mi ha acceso i fuochi d’artificio in casa”

Il Pallone d’oro? Forse è tempo che venga vinto da un difensore. Faccio fatica a capire quanto sia grande questa situazione, ci sarà sicuramente un momento in cui realizzerò tutto. Giocare in questo campionato era il mio sogno. Al Southampton ho imparato molto e sarò sempre grato al club. Nel 2017 erano interessati a me anche altri club, ma i Reds mi hanno convinto per diversi fattori, dall’allenatore ai giocatori, dalla cultura della società ai tifosi. Sono felice di essere qua. La Champions è il frutto del lavoro che abbiamo fatto, saremo per sempre ricordati nella storia del club, al momento del fischio finale sono scoppiato in lacrime. Ho un legame speciale con Jurgen Klopp, gli sarò sempre grato. È un grande allenatore con un gioco chiaro e dice sempre le cose giuste”.

LEGGI ANCHE: Malesia-Thailandia, medico ammonito mentre soccorre un giocatore

calcio12/11/2019 • 20:22
facebook
twitter
whatsapp

LEGGI ANCHE

Ultime News